Da quel novembre 1975 in cui stato ucciso, Pier Paolo Pasolini si è trasformato in un santino

00178119_b

Da quel novembre 1975 in cui stato ucciso, Pier Paolo Pasolini si è trasformato in un santino, in un fantasma che si aggira per l’Italia. Soltanto dopo morto, lo scrittore e regista friulano è stato saccheggiato un po’ da tutti, come John Lennon, Kennedy, Che Guevara, Walt Disney, Aldo Moro, Jimi Hendrix…Ognuno ha preso la parte che più gli faceva comodo e ha buttato via il resto. La sinistra, una certa destra, i cattolici, i radicali, i libertari, i giustizialisti, i complottisti, gli ambientalisti, i teorici della decrescita: ognuno ha trovato una citazione, una parte della sua opera, una sua intuizione, dilatandoli sino a farne l’intera immagine.

 

 

Pasolini, il più citato e il meno letto

Pier Paolo Pasolini,  è diventato l’intellettuale più citato e meno letto d’Italia attraverso un’operazione di puro marketing e merchandising: “Ne sono venute fuori tante figurine ottime per il marketing culturale, editoriale e politico, in cui l’opera di Paolini si trasforma in un souvenir. C’è il Pasolini anarchico comunista o liberal. E c’è il Pasolini reazionario, passatista e difensore della tradizione, c’è il Pasolini contro l’aborto e c’è il Pasolini trasgressivo che vive una sessualità ossessiva e violenta. C’è il Pasolini della frase ‘io so ma non ho le prove’, eroe di tutti i dietrologi. E c’è il Pasolini che demolisce gli appassionati di trame oscure. Come nei supermercati, c’è un Pasolini per tutti i gusti. Perché ogni partito, gruppo, corrente, setta, tribù, ha costruito un Pasolini a sua immagine e somiglianza…”.

Pasolini, i fascisti e la destra

“E’ diventato impossibile continuare a parlare di Pasolini se prima non si distingue l’autore dal racconto tossico che ne è stato fatto. Perché un conto è Pasolini, un altro il pasolinismo. Una cosa è lo scrittore, un’altra la sua leggenda”. Vogliamo parlare dei rapporti tra Pasolini, i fascisti e la destra ?: dalle sue poesie sui “giovani missini”, agli articoli contro l’antifascismo militante apparsi su Scritti corsari, alla sua collaborazione con la rivista Il Reporter di Arturo Michelini, dalla sua intervista televisiva a Ezra Pound, alla sua collaborazione con Guareschi per il documentario La rabbia. Episodi che non possono però negare le virulente campagne contro Pasolini condotte dalle colonne del Secolo e del Borghese finché lui era in vita e accompagnate dalle continue manifestazioni di contestazione degli attivisti della Giovane Italia. Poi, è vero, dal 1986 una certa destra giovanile riscopre Pasolini e i suoi Scritti corsari, la sua analisi dell’omologazione e lo scrittore finirà tra le letture di Beppe Niccolai e nel Pantheon di certe manifestazioni del Fronte della Gioventù e anche di Azione Giovani.

Pasolini e gli omosessuali

Sullo stesso piano, risulta estremamente interessante il capitolo dei rapporti dello scrittore con il Pci e la tradizione comunista, dalla sua espulsione dal partito nel 1959 per “indegnità morale” alla glorificazione e appropriazione postuma attraverso la Fgci prima e Veltroni poi. Ma il capitolo più interessante, infine, è senz’altro quello sull’irriducibilità dell’omosessuale Pasolini all’attuale cultura dei diritti gay.  “La destra, la sinistra, il centro, gli estremisti, i moderati, i borgatari come i radical chic: l’hanno sventolata tutti, l’immagine di Pasolini. Ma il movimento omosessuale no, mai. L’omosessuale più famoso d’Italia è diventato icona di tutti, fuorché icona gay”. Del resto, già gay è una parola che lo scrittore di Casarsa non ha mai pronunciato o scritto: “È vero che non si era ancora imposta nel linguaggio, ma il modo in cui viveva la sua omosessualità aveva poco a che fare con la gaiezza. Mai in pace, riposato o risolto: fin dalla giovinezza, Pasolini ha considerato la sua omosessualità come qualcosa di estraneo da combattere, a cui non cedere”. Qualcosa che lui viveva tragicamente, come un tormento, come un’aggravante: “A Pasolini gli omosessuali non piacevano”. Non solo perché il poeta e regista vedeva in ogni avanzare dei diritti solo la coda maligna della tolleranza capitalistica, ma soprattutto perché per lui l’omosessualità era solo un fatto privato, individuale: “La vita di Pasolini non ci sta nello schema dell’omosessualità codificata, è distante dall’idea di coppia gay risolta, normalizzata, che vuole sposarsi e avere figli, cioè dal modello che la maggioranza del movimento di rivendicazione gay ha adottato per farsi accogliere nella società”. “l’unica cosa che si può fare con Pasolini: servirsi della sua opera, per liberarsi del suo mito”.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

EdnaModeblog

Ho sempre avuto il sospetto che l'amicizia venga sopravvalutata. come gli studi universitari, la morte o avere il cazzo lungo. noi esseri umani esaltiamo i luoghi comuni per sfuggire alla scarsa originalità della nostra vita. (Trueba)

Paroledipaola

sospesa tra finzione e realtà

Il Pikaciccio

Ricette di viaggio, cucina e vita di due pazzi scatenati

Daniela Morandini

Scrittrice e Performer

PAP3RS-Il Blog di approfondimento sul mondo della Fisica

Blog con finalità di approfondimento scientifico

IL MOTIVATORE

Pensieri, sensazioni, azioni.

L'Allegra Bottega

"...il segreto della creatività è saper nascondere le proprie fonti" (Albert Einstein)

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Stupido è chi lo stupido è

Sex & Music

It's all about love, just in different ways!

Picture live

Vivir con amor

Le avventure di tutto

Tutto in un blog

smaltorosa

il fascino dei piedi femminili

spiritus2016

Media/News/Publishing

MetropoliZ blog

uno sguardo sulle Arti, sulla Disabilità, sulla Dipendenza e sul Disagio Sociale

lucialorenzon

"La mia diversitá é la mia forza,la mia debolezza,la mia dignitá."

Macondo

Cosa faremo quando la bellezza non potrà più sostenere il dolore?

Mela Kiwi Limone

piccole pillole quotidiane

Creazioni Isilandia

Creare con amore e passione,to Hello friends, I am pleased to present my creations page dedicated to Isis adopted my dog in a kennel, I hope you follow me and you'll make myself known to your contacts in to remind you that you can leave me a greeting or comment pleasing, you strong hug soon

Il MONDO DI MARIA

LIBRI-CIBO-COSMETICI-ACCESSORI E TANT'ALTRO! TESTO E RECENSISCO.

zankiweb.wordpress.com/

A Papua New Guinean's photographic perspective of Calgary and Southern Alberta. All pictures are mine unless stated otherwise!

Noras Erotica

I'm just a puzzle that doesn't wanna be solved

Contessa "Mercedes"

libere immagini per liberare la mente...

carlartestyle

“- Peter: Vieni con me! - Wendy: Io... non so volare. - Peter: Te lo insegno io e ti insegno anche a cavalcare i venti e via che si va...”

raulconde001

A topnotch WordPress.com site

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: