Da quel novembre 1975 in cui stato ucciso, Pier Paolo Pasolini si è trasformato in un santino

00178119_b

Da quel novembre 1975 in cui stato ucciso, Pier Paolo Pasolini si è trasformato in un santino, in un fantasma che si aggira per l’Italia. Soltanto dopo morto, lo scrittore e regista friulano è stato saccheggiato un po’ da tutti, come John Lennon, Kennedy, Che Guevara, Walt Disney, Aldo Moro, Jimi Hendrix…Ognuno ha preso la parte che più gli faceva comodo e ha buttato via il resto. La sinistra, una certa destra, i cattolici, i radicali, i libertari, i giustizialisti, i complottisti, gli ambientalisti, i teorici della decrescita: ognuno ha trovato una citazione, una parte della sua opera, una sua intuizione, dilatandoli sino a farne l’intera immagine.

 

 

Pasolini, il più citato e il meno letto

Pier Paolo Pasolini,  è diventato l’intellettuale più citato e meno letto d’Italia attraverso un’operazione di puro marketing e merchandising: “Ne sono venute fuori tante figurine ottime per il marketing culturale, editoriale e politico, in cui l’opera di Paolini si trasforma in un souvenir. C’è il Pasolini anarchico comunista o liberal. E c’è il Pasolini reazionario, passatista e difensore della tradizione, c’è il Pasolini contro l’aborto e c’è il Pasolini trasgressivo che vive una sessualità ossessiva e violenta. C’è il Pasolini della frase ‘io so ma non ho le prove’, eroe di tutti i dietrologi. E c’è il Pasolini che demolisce gli appassionati di trame oscure. Come nei supermercati, c’è un Pasolini per tutti i gusti. Perché ogni partito, gruppo, corrente, setta, tribù, ha costruito un Pasolini a sua immagine e somiglianza…”.

Pasolini, i fascisti e la destra

“E’ diventato impossibile continuare a parlare di Pasolini se prima non si distingue l’autore dal racconto tossico che ne è stato fatto. Perché un conto è Pasolini, un altro il pasolinismo. Una cosa è lo scrittore, un’altra la sua leggenda”. Vogliamo parlare dei rapporti tra Pasolini, i fascisti e la destra ?: dalle sue poesie sui “giovani missini”, agli articoli contro l’antifascismo militante apparsi su Scritti corsari, alla sua collaborazione con la rivista Il Reporter di Arturo Michelini, dalla sua intervista televisiva a Ezra Pound, alla sua collaborazione con Guareschi per il documentario La rabbia. Episodi che non possono però negare le virulente campagne contro Pasolini condotte dalle colonne del Secolo e del Borghese finché lui era in vita e accompagnate dalle continue manifestazioni di contestazione degli attivisti della Giovane Italia. Poi, è vero, dal 1986 una certa destra giovanile riscopre Pasolini e i suoi Scritti corsari, la sua analisi dell’omologazione e lo scrittore finirà tra le letture di Beppe Niccolai e nel Pantheon di certe manifestazioni del Fronte della Gioventù e anche di Azione Giovani.

Pasolini e gli omosessuali

Sullo stesso piano, risulta estremamente interessante il capitolo dei rapporti dello scrittore con il Pci e la tradizione comunista, dalla sua espulsione dal partito nel 1959 per “indegnità morale” alla glorificazione e appropriazione postuma attraverso la Fgci prima e Veltroni poi. Ma il capitolo più interessante, infine, è senz’altro quello sull’irriducibilità dell’omosessuale Pasolini all’attuale cultura dei diritti gay.  “La destra, la sinistra, il centro, gli estremisti, i moderati, i borgatari come i radical chic: l’hanno sventolata tutti, l’immagine di Pasolini. Ma il movimento omosessuale no, mai. L’omosessuale più famoso d’Italia è diventato icona di tutti, fuorché icona gay”. Del resto, già gay è una parola che lo scrittore di Casarsa non ha mai pronunciato o scritto: “È vero che non si era ancora imposta nel linguaggio, ma il modo in cui viveva la sua omosessualità aveva poco a che fare con la gaiezza. Mai in pace, riposato o risolto: fin dalla giovinezza, Pasolini ha considerato la sua omosessualità come qualcosa di estraneo da combattere, a cui non cedere”. Qualcosa che lui viveva tragicamente, come un tormento, come un’aggravante: “A Pasolini gli omosessuali non piacevano”. Non solo perché il poeta e regista vedeva in ogni avanzare dei diritti solo la coda maligna della tolleranza capitalistica, ma soprattutto perché per lui l’omosessualità era solo un fatto privato, individuale: “La vita di Pasolini non ci sta nello schema dell’omosessualità codificata, è distante dall’idea di coppia gay risolta, normalizzata, che vuole sposarsi e avere figli, cioè dal modello che la maggioranza del movimento di rivendicazione gay ha adottato per farsi accogliere nella società”. “l’unica cosa che si può fare con Pasolini: servirsi della sua opera, per liberarsi del suo mito”.

 

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Daniela Morandini

Scrittrice e Performer

PAP3RS-Il Blog di approfondimento sul mondo della Fisica

Blog con finalità di approfondimento scientifico

IL MOTIVATORE

Pensieri, sensazioni, azioni.

L'Allegra Bottega

"...il segreto della creatività è saper nascondere le proprie fonti" (Albert Einstein)

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Stupido è chi lo stupido è

Sex & Music

It's all about love, just in different ways!

Picture live

Vivir con amor

Le avventure di tutto

Tutto in un blog

smaltorosa

il fascino dei piedi femminili

spiritus2016

Media/News/Publishing

MetropoliZ blog

uno sguardo sulle Arti, sulla Disabilità, sulla Dipendenza e sul Disagio Sociale

lucialorenzon

"La mia diversitá é la mia forza,la mia debolezza,la mia dignitá."

Macondo

«La Bellezza non può essere interrogata: regna per diritto divino»

Mela Kiwi Limone

piccole pillole quotidiane

Creazioni Isilandia

Creo bigiotteria artigianale, fimo, argento Hello friends, I am pleased to present my creations page dedicated to Isis adopted my dog in a kennel, I hope you follow me and you'll make myself known to your contacts in to remind you that you can leave me a greeting or comment pleasing, you strong hug soon

Il MONDO DI MARIA

LIBRI-CIBO-COSMETICI-ACCESSORI E TANT'ALTRO! TESTO E RECENSISCO.

zankiweb.wordpress.com/

A Papua New Guinean's photographic perspective of Calgary and Southern Alberta. All pictures are mine unless stated otherwise!

Noras Erotica

I'm just a puzzle that doesn't wanna be solved

Contessa "Mercedes"

libere immagini per liberare la mente...

carlartestyle

“- Peter: Vieni con me! - Wendy: Io... non so volare. - Peter: Te lo insegno io e ti insegno anche a cavalcare i venti e via che si va...”

Magikal Journeys Art Studio

Payrography ART (wood Burning Art)

raulconde001

A topnotch WordPress.com site

Chiamami Serena, perché lo sono.

Serena, sognatrice vestita in rainbow.

DiscoveringMyself

Scoprire me stessa attraverso la scoperta di ciò che mi circonda. Per viaggiare anche nella vita di tutti i giorni.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: